Fluendo Fluendo

Fluendo ha ottenuto
la certificazione ISO 9001

/by

Abbiamo mappato i nostri percorsi, coinvolto tutta l’azienda sui processi, fatto girare la ruota di Deming.
Abbiamo adattato e condiviso i principi del sistema di gestione della qualità ISO alla nostra azienda,
descritto i ruoli, le responsabilità, le tempistiche e il monitoraggio.
Abbiamo ottenuto un grande traguardo.

NEWS, NEWS-HOME

Al Bano in concerto a Scheggino

/by

Strepitoso successo ieri a Scheggino per il concerto di Al Bano, organizzato dal Comune e dalla Fondazione Giulio Loreti. Gremita per l’occasione piazza Carlo Urbani, con i biglietti sold out, per ascoltare la voce del grande cantautore italiano. Accompagnato da band e coriste, Albano Carrisi ha ripercorso non solo i suoi più grandi successi, ma ha interpretato le più note canzoni italiane: da “Nel blu dipinto di blu” a “Va’ pensiero”, da “Azzurro” a “Funiculì funiculà” ed anche l’Inno di Mameli. Oltre 20 canzoni, più un lungo medley, per finire con l’acclamatissima “Felicità”, che lo ha visto addirittura arrampicarsi sulla “americana” del palco per guardare dall’alto la piazza.
Durante la serata, presentata da Vittoriana Abate e Cataldo Calabretta, c’è stato spazio anche per un’esibizione inattesa: quella di Gessica Notaro, la miss sfregiata con l’acido dall’ex fidanzato e protagonista a “Ballando con le stelle”, che sul palco di Scheggino ha cantato “My way”.
“E’ stata per me una vera emozione avere ospite a Scheggino – ha commentato il sindaco Paola Agabiti – uno dei più grande interpreti della canzone italiana, famoso e apprezzato in tutto il mondo. L’evento ha avuto un’adesione eccezionale registrando il sold out già dai primi giorni di vendita dei biglietti, tanto che ne abbiamo dovuti aggiungere molti altri, con un pubblico proveniente anche da fuori regione, a testimonianza che questo concerto è stato uno dei più importanti appuntamenti della stagione estiva umbra. Per il nostro territorio si è trattato di un’occasione di promozione, per far conoscere le nostre bellezze naturalistiche e artistiche composte dai caratteristici borghi, abbazie e castelli che costellano il nostro paesaggio tuttora incontaminato, dove si ha un’alta qualità della vita e dove è possibile per i turisti trascorrere soggiorni piacevoli all’insegna di cultura, sport ed enogastronomia. Tra le priorità della nostra amministrazione comunale – ha concluso – c’è quella di promuovere il territorio tramite gli eventi culturali”.
Il sindaco ha voluto ringraziare i tanti volontari e l’intera comunità locale che si è adoperata per la buona riuscita dell’evento, ma soprattutto il professor Valerio Di Carlo e la fondazione Loreti: “è insieme a lui e grazie a lui che Al Bano è arrivato a Scheggino”. Lo stesso cantante sul palco ha voluto poi rendere omaggio al chirurgo presidente della fondazione che ha sede a Campello sul Clitunno: “Mi inginocchio al tuo grande valore” ha detto Al Bano dedicando a Di Carlo la canzone “Angeli”. Fluendo ha curato la direzione artistica e le relazioni esterne.

NEWS, NEWS-HOME

NEW FLUENDO

/by

Perché in questi anni siamo cambiati noi e siamo cresciuti. Abbiamo capito bene insieme quel mitico verbo – COMUNICARE – e abbiamo integrato le nostre culture e le nostre esperienze. Qui dialogano i social media manager con i designer, gli strategic planner con i responsabili di rapporti istituzionali, i registi con i copy, il digital con l’ufficio stampa. Abbiamo imparato che integrarsi è una risorsa e che la specializzazione in un’area non conta molto se non ci si confronta e non si uniscono i saperi.

Siamo solo FLUENDO e siamo uniti, in una stanza di un nuovo ufficio, in un unico sito web, in un solo colore.

Non facciamo tutto, ma progetti di comunicazione integrata e siamo agili, veloci, strategici e molto forti.

NEWS, NEWS-HOME

Premio Scheggino Donna 2018

/by

Scheggino è uno di quei luoghi dell’anima dove tutto sembra sospeso tra natura e mito. Come in un centro benessere a cielo aperto, il cammino dei sensi si nutre dell’allegra corsa del fiume Nera e della sua vegetazione fiorente, mentre gli occhi si tuffano nel paesino arroccato che altro non è che un Presepe costruito dalle mani di un Dio fantasioso. Il profumo del legno e del muschio si confonde con quello del tartufo estivo, vero re della tavola e del Borgo.

Scheggino è il Borgo del coraggio e non un coraggio qualsiasi: qui il 23 luglio del 1500 il coraggio si è tinto di rosa. I briganti, convinti di conquistare il Borgo approfittando dell’assenza degli uomini impegnati nella mietitura, sono stati scacciati dalle donne munite di pietre, dardi, pentoloni di olio bollente e arnesi da cucina. Questa forza delle bisnonne delle nonne schegginesi è rimasta impregnata tra le pietre della case basse e accoglienti. Il fiume Nera ancora se la ride!

È in un set così che nasce il Premio Scheggino Donna 2018, che il Sindaco Paola Agabiti ha voluto conferire a donne di coraggio. La mattatrice della serata è stata Vittoriana Abate, donna coraggiosa anche lei che più di venti anni fa è partita da Salerno per rincorrere il suo sogno da cronista diventando poi l’inviato di punta del programma Porta a Porta di Rai1. La storia di vita e professionale dell’On. Lella Golfo, che di donne che lottano la sa lunga, ha incontrato il sudore di Franca Fiacconi, maratoneta italiana che, tra gli altri titoli, ha portato il tricolore sul podio della maratona di New York. Siamo rimasti folgorati dalla storia di coraggio imprenditoriale di Arianna Verucci, proprietaria della Cioccolateria Vetusta Nursia rasa al suolo dal recente terremoto. Il coraggio di ricostruire e di restare lì è tutto femminile. Ci ha fatto sorridere la storia della giornalista parlamentare Paola Tommasi, che per curiosità e spavalderia ha inviato la sua candidatura allo staff di Donald Trump tramite LinkedIn dove è stata arruolata per la campagna elettorale del Presidente degli Stati Uniti d’America.
Ci ha commosso la determinazione di Simona Clivia Zucchett, direttore generale del Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi, che da etoile ha dovuto ricominciare da capo quando il suo ginocchio, a soli 23 anni, decide di stoppare sogni e carriera. La fermezza di Paola Ghisleri, che nuota tra numeri e cravatte facendo arrossire quotati colleghi, ci ha incantanti e rapiti per le sue statistiche sempre più vere delle altre.

Tutto questo accadeva lontano dai grandi palchi e dai riflettori di certi premi gridati. Questo accadeva nell’elegante giardino del Museo del Tartufo Urbani, all’ombra di alberi secolari con un sottofondo di arpa e pianoforte. Avveniva senza proclami, né quote rosa, né pride, né seni al vento e isterismi cittadini. È lì che ci siamo fermati a parlare, ascoltare, sorridere, ridere e riflettere sul fatto che se le donne abbassassero le braccia il cielo ci cadrebbe addosso!

Ps. Anche Fluendo è stata premiata come laboratorio coraggiosamente creativo, dove le donne sono numericamente superiori agli uomini… e non solo! Grazie Scheggino e arrivederci al prossimo anno.

NEWS, NEWS-HOME

GRAND TOUR D’ITALIA

/by

Boom di ascolti per la prima puntata di Grand Tour!

Il programma con Lucilla Agosti e Cataldo Calabretta ha segnato il 6.4% di share. Grazie a  Grand Tour d’Italia, Rete 4  è stata la terza rete più vista in seconda serata dopo Canale 5 e RAI 1.

Un grande successo! Grazie a Raffaele Leone – direttore di Panorama che ha creduto in questo progetto, grazie al “dream team” di Grand Tour: il regista Mario Maellaro e agli autori Luigi Miliucci e Tommaso Martinelli e grazie a tutti i nostri collaboratori.

Grazie soprattutto al pubblico.

Vi aspettiamo alle prossime tappe, continuate a seguirci!

Ogni venerdì su Rete 4 in seconda serata.

NEWS, NEWS-HOME